DIARIO DI BORDO

DIARIO DI BORDO

UN CALCIO ALLE POLEMICHE

"Cantano tutti insieme Bella, Ciao!, perché è vero che nel partito milanese il rispetto personale, pur nella differenza delle posizioni, è pratica ancora solida".Così scriveva il Corriere della Sera, all’indomani del corteo del 25 Aprile di quest’anno, come riportava anche Ivan Scalfarotto in un post su Facebook.

Sono parole che secondo me raccontano bene cos’è la nostra comunità. Un ritratto efficace, perché rappresenta fedelmente alcune caratteristiche del PD Milano Metropolitana. Un luogo dove ci sentiamo tutti parte della stessa squadra. Un po’ come avviene in una squadra di calcio, in effetti...

Ci sono giocatori più votati all’attacco e altri più predisposti alla fase difensiva. C’è chi costruisce, con pazienza e visione, la trama dei passaggi, e chi sa trovare il guizzo improvviso per fare goal e segnare quel risultato quasi inaspettato.Caratteristiche e qualità certamente diverse, che proprio nella loro pluralità fanno la ricchezza di una squadra. Così come le provenienze: ci sono atleti cresciuti nel vivaio, che giocano insieme a calciatori che si sono aggregati al gruppo per condividere un progetto. Come nel PD, radici diverse che si incrociano per intraprendere una destinazione comune.

Due, però, sono le qualità che rendono vincente una squadra. Primo, la capacità di adattare modulo e schemi alla partita in corsa. Secondo, quella di restare compatti anche quando si va in difficoltà. Di fronte a una sconfitta, una buona squadra si misura dalla capacità di restare unita e di trovare la forza per allenarsi, con ancora più convinzione, e vincere le partite future.

È con questo spirito che il PD di Milano Metropolitana deve guardare avanti e alle prossime sfide!

P.S. A proposito di calcio. Sabato 9 giugno, ai campi di Cimiano, si disputerà il Torneo dei Circoli PD Milano Metropolitana: vi siete già iscritti?

Follow me:


© 2017 Pietro Bussolati