DIARIO DI BORDO

DIARIO DI BORDO

IL GIORNO DELLA MARMOTTA

Ogni mattina Phil, nel film “Ricomincio da capo”, per uno strano scherzo del destino si trova imprigionato e costretto a rivivere la stessa giornata all’infinito. Come gli è venuto in mente il curioso meteorologo televisivo, vi starete chiedendo. Perché, se penso all’immagine della Lombardia, penso ad una Regione, ricca di storia e di potenzialità, che però è da anni sospesa in un limbo di tante buone promesse, ma mai realizzate dall’attuale maggioranza guidata da Roberto Maroni. Penso ad una Regione ferma, immobile, imprigionata dall’incapacità politica. Anche i treni dalle carrozze fatiscenti, perennemente in ritardo, raccontano e rappresentano un pezzo della Lombardia.

Continua a leggere

#LOMBARDIA2018

Quella di martedì (26 settembre) è stata una bella occasione per parlare di Lombardia e conoscere le proposte di Giorgio Gori. Distante dagli spot elettorali e dalle promesse mancate, il sindaco di Bergamo è l'uomo della competenza del fare maturata sul territorio. Sono convinto che con lui possiamo intraprendere un percorso ambizioso per portare la Lombardia nel posto che merita: essere traino in Europa.

Continua a leggere

“Non credete nel cambiamento che posso portare io, ma in quello che sta dentro di voi. Se qualcosa ha bisogno di essere aggiustato, mettetevi le scarpe, uscite e fatelo”. Lo ha detto Barack Obama quest’anno, durante il suo ultimo discorso da Presidente degli Stati Uniti, parlando ai cittadini della sua Chicago. E oggi, all’indomani del lancio della campagna di tesseramento del PD “Mi iscrivo perché” mi è tornata in mente questa frase e ho pensato a tutta la forza che racchiude. La stessa forza che vedevo nel coraggio di quel gruppo di amici, conosciuto ormai un bel po’ di anni fa, che mi convinse che c’era un modo per soddisfare il mio desiderio di cambiare le cose: mettermi in gioco, assumermi la responsabilità di provare a fare qualcosa. Qualcosa in cui credevo.

Continua a leggere

UN FUTURO SOSTENIBILE

Dall’uragano Harvey che ha devastato la costa meridionale degli Stati Uniti ai monsoni record che tra India, Bangladesh e Nepal hanno ucciso oltre 1200 persone, passando per l’allarme siccità che ha colpito l’Italia. Eventi tragici che riaprono il dibattito sui cambiamenti climatici e che rendono ancora più evidente il contrasto e la distanza fra chi investe su politiche di sostenibilità ambientale e chi, invece, sostiene che il surriscaldamento globale sia una bufala. L'agosto di quest'anno è stato caratterizzato da un susseguirsi di annunci da parte dei Paesi europei e asiatici che hanno fissato la messa al bando di veicoli alimentati da combustibili fossili: clamorosa, in particolare, la svolta dell’India che sarà la prima a farlo, entro il 2030.

Continua a leggere

Follow me:

if facebook  if twitter  if instagram  if google  if Flickr

© 2017 Pietro Bussolati