ARTICOLI E DICHIARAZIONI

ARTICOLI E DICHIARAZIONI

È una inchiesta pubblicata sull’Espresso (https://goo.gl/q4BT3V)  nell’ottobre 2016 a far emergere per la prima volta gli investimenti sballati della società, nata per aiutare le piccole medie e imprese e che invece, come riportato nell’articolo investe più negli istituti di credito che nelle ditte. È lì che la sua immagine di finanziaria imprese si incrina, Finlombarda rivela un modus operandi molto diverso da quella che è la sua mission.

In un secondo articolo, apparso sul Corriere della Sera (https://goo.gl/5f1ure) a marzo 2017 emerge che ex dirigenti della finanziaria, Marco Nicolai, Marco Cirillo e Danilo Maiocchi sono sotto indagine per “truffa per il conseguimento di erogazioni pubbliche”.  Non sta a noi esprimere giudizi di condanna prima delle chiusura delle indagini, ma quello che emerge è che la gestione della finanziaria è stata audace e carente in trasparenza e informazioni arrivando a una perdita pari a 60 milioni di euro. La stessa Bankitalia inviò una lettera di richiamo a Finlombarda (https://goo.gl/5f1ure) per chiedere conto dell’ “onorabilità” dei suoi soci, a cui seguì un giudizio della Corte dei Conti della Lombardia che, nel Luglio 2017, chiese cosa ne era stato di più di 800 milioni di euro - di cui aveva avuto disponibilità Finlombarda l’anno precedente - e dei quali non vi è una chiara traccia di utilizzo. Perché i soldi una volta usciti dalle casse del Pirellone ed entrati in quelle delle partecipate non rientrano più nella contabilità di bilancio e rimangono spesso bloccati nei Sireg togliendo liquidità alla Regione (https://goo.gl/HnjFzw).

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO

MILANO - "Fontana anche oggi diserta un confronto fra i candidati presidente della Lombardia. Insiste nel dire che vuole stare in mezzo alla gente, ma evidentemente per lui i giovani studenti di una Università non sono cittadini degni di ascoltarlo. Resto convinto dell'indispensabilità e utilità del confronto, unico strumento per conoscere e approfondire le differenze.
La Lombardia non ha bisogno di un Presidente che scappa perché ha paura, ma di persone capaci di far valere le proprie idee".

Così in una nota il candidato capolista del PD alle regionali, Pietro Bussolati, commenta l'assenza di Fontana al confronto fra candidati presidenti di questa mattina allo Iulm.

MILANO - "Gravissimo quanto sta emergendo su Trenord, come viene riportato questa mattina sugli organi di stampa.
Non solo condizioni di viaggio inaccettabili, con ritardi quotidiani e carrozze sovraffollate, quello che si scopre oggi è che la partecipata di Regione Lombardia ha ignorato le segnalazioni dell'Agenzia nazionale per la Sicurezza ferroviaria sulla manutenzione dei treni. Trenord non ha indagato sulle cause di un danno anomalo alle ruote di un convoglio della Cremona-Treviglio, ad ottobre 2017, e ha fatto circolare alcuni treni con manutenzione scaduta.
Se è inaccettabile far viaggiare i pendolari con treni sovraffolati e in ritardo lo è ancor di più farlo in situazioni di pericolo a causa della scarsa manutenzione. Cos'hanno da dire, a riguardo, Regione Lombardia e Trenord? Gli oltre 700mila pendolari che viaggiano ogni giorno, per studio o lavoro, hanno diritto ad avere delle spiegazioni"".

Così in una nota il candidato capolista PD alle elezioni regionali, Pietro Bussolati.

MILANO - "La conseguenza alle infelici e inaccettabili dichiarazioni sulla razza bianca del candidato di riserva delle destre non si è fatta attendere: ecco incassato l’appoggio e i voti del gruppo neofascista Lealtà e Azione.
L'ennesima conferma a quanto da tempo è sotto gli occhi di tutti: il volto moderato della Lega non esiste. Se ha il coraggio, adesso, Fontana provi a smentire e rinunci pubblicamente al voto di chi, senza imbarazzi, sfoggia simboli e slogan nazifascisti, commemorando gerarchi autori di deportazioni e fucilazioni al Campo X del Cimitero Maggiore, ed è guidato da condannati per tentato omicidio e lesioni volontarie, come Stefano del Miglio".

Così in una nota, il capolista PD candidato alle elezioni regionali Pietro Bussolati.

Follow me:


© 2017 Pietro Bussolati