ARTICOLI E DICHIARAZIONI

ARTICOLI E DICHIARAZIONI

MILANO - 1500 persone e 70 magliette gialle hanno riempito la sala e il foyer del Teatro Franco Parenti per l’evento “Milano, Lombardia, Italia: Obiettivo governo”, seguito in diretta Facebook da oltre 55mila persone.

“Obiettivo governo è il nostro impegno per i prossimi 49 giorni che ci separano dal 4 marzo, per rimettere in moto la Lombardia e andare avanti nel far crescere l’Italia. Quattro personalità diverse, unite dalla volontà di governare le complessità, di fare e fare bene, hanno portato sul palco l’esperienza di un centrosinistra che lavora, prima che sulle appartenenze, sui programmi e sulle idee. Un’occasione per rilanciare con ancora più entusiasmo la candidatura di Giorgio Gori, a partire da Milano, la città che più di tutte ha dimostrato di tenere insieme e far dialogare le sue diverse anime, con l’obiettivo di creare sviluppo e governarlo nell’interesse dei milanesi: delle imprese, del terzo settore e di tutti i cittadini. Siamo orgogliosi di quanto fatto, fiduciosi di quel che possiamo ancora fare”.

MILANO - "A Legnano Fratelli d’Italia organizza la presentazione di un graphic novel su Sergio Ramelli, il diciassettenne assassinato a Milano negli anni settanta; alla commemorazione istituzionale partecipo ogni anno col Sindaco e i rappresentanti delle istituzioni. Fratelli d'Italia, partito della coalizione del centrodestra che si candida a guidare il Paese e la Lombardia, invece, organizza un evento con Lealtà e Azione. Quelli che il 25 aprile omaggiano col braccio teso i repubblichini, le SS, i gerarchi e i torturatori sepolti al Campo X del Cimitero Maggiore. Dar loro agibilità, legittimarli, è un atto gravissimo e intollerabile.
Resta legittimo il ricordo di Ramelli, ma chi sta con Lealtà e Azione fa una scelta chiara e netta, che non può essere accettata né condivisa da chi crede nella democrazia. Perché questa è una scelta che oltraggia i valori costituzionali".

MILANO - "Scritte violente e slogan anarchici che rievocano un passato fatto di odio e contrapposizione, di cui non abbiamo per nulla nostalgia.
La condanna non può che essere netta nei confronti dei vandali che questa notte hanno imbratto muri delle scuole e di abitazioni, cortili di case popolari appena ristrutturati, pensiline degli autobus, nel quartiere di Quarto Oggiaro. (qui le foto).
Grazie a Fabio Galesi, consigliere del Municipio 8, e a tutti i cittadini della zona, che difendono la legalità e ogni giorno si impegnano con azioni positive per la comunità".

MILANO -"Il Governatore Maroni, quello dello slogan La Lombardia in testa, preferisce Roma alla Lombardia.
La nostra Regione ha bisogno di una classe dirigente che guardi al proprio territorio, come Giorgio Gori che sa bene cosa vuole ed è pronto a dare il massimo per il bene della Lombardia.
Francamente non mi pare si possa dire lo stesso di Maroni, a cui imputo la grave colpa di aver seminato solo promesse non mantenute in questi anni. 
Ora la partita è davvero aperta e dipende tutto da noi: c’è da lavorare tanto e ogni energia sarà indispensabile".

Follow me:

if facebook  if twitter  if instagram  if google  if Flickr

© 2017 Pietro Bussolati